Il flagello degli orchi: la settima sessione

Gli avventurieri tornano al castelleto degli orchi

Gli avventurieri si preparano per la loro prossima missione dopo aver lasciato la città degli orchi per tornare a Erellon, ma lungo il percorso vengono interrotti da un goblin cacciatore che chiede aiuto per salvare l’orco cacciatore Grimgor rapito da un nano necromante. Questo nano, conosciuto come Eadric Il Nefasto, si diceva che fosse una figura del folclore e sembrava essere esistito numerosi secoli addietro. Evidentemente non è così!

Decisi ad aiutare il povero orco rapito, il gruppo si dirige al castello degli orchi, attirati dal compenso promesso dal goblin. Qui vengono ingaggiati dai cacciatori con un cacciatore di Taglie Bugbear che si chiama Aghnar.

Alla rocca nanica

Arrivati ai piedi di un edificio scavato nella montagna, il gruppo ripulisce la prima ala della rocca nanica, il gruppo si scontra con un ponte spezzato e un plotone di scheletri armati di archi. Grazie ad un incantesimo di oscurità, riescono a scongiurare la minaccia e proseguono nella loro esplorazione.

Il necromante nano

Nella seconda ala del castello, vengono attaccati da un gruppo di nemici capitanati da un Wraith, ma riescono a sconfiggerli nonostante il rumore causato dallo scontro. Infine, distruggendo l’ultima porta, trovano il nano che sta compiendo un rituale, protetto da un muro di scheletri. Il nano necromante si presenta come una figura bassa e tozza, con la pelle pallida e rugosa e gli occhi rossi come il sangue. Indossa un cappuccio nero che nasconde il suo viso e un mantello in stracci che si muove sinistramente. Le mani del nano sono stranamente affusolate e dalla pelle livida, e quando le muove sembra che la morte stia reclamando la sua preda. Inoltre, porta sempre con sé un bastone nero e intarsiato con strani simboli e rune oscure. Il necromante pare che non abbia voce.

Il gruppo cerca di far ragionare il nano necromante, ma senza successo. Non avendo altra scelta, il gruppo lo attacca e, grazie alle loro abilità di combattimento e incantesimi, riescono a sconfiggere il nemico. Tuttavia, scoprono che il nano aveva un mare di tesori e un faldone che potrebbe contenere i piani dei nani e antichi rituali. Ciò spinge la brama del gruppo a continuare la loro esplorazione del castello degli orchi, alla ricerca di altri tesori nascosti. Salvano il povero Grimgor che era stato legato come un salame e messo in una tomba.

Fiumi di denaro, più di quello che si possono permettere i cacciatori orchi

Il Tesoro del Nano

900 cp, 6000 sp, 3000 gp, 3 x diamante (50 gp), corniola (50 gp), calcedonio (50 gp), citrino (50 gp), 2 x diaspro (50 gp), zircone (50 gp)

In conclusione, il nano necromante Eadric Il Nefasto si è dimostrato un avversario pericoloso per gli avventurieri. La sua presenza nei valichi ha creato non pochi problemi, ma grazie all’abilità del gruppo nel combattimento e negli incantesimi, il nano è stato sconfitto. Il mare di tesori appena scoperto e il diario contenente i piani dei nani rappresentano una grande opportunità per gli avventurieri di ribaltare la situazione a Erellon.